Pages Menu
Categories Menu

Posted in Finanza

Come leggere i grafici Forex e operare con condizioni di primo livello

Una volta che hai imparato a leggere i grafici, sarà molto più facile e veloce imparare e praticare un vero sistema di trading Forex. Al termine di questo articolo, imparerai a leggere i grafici Forex, oltre a conoscere le insidie che possono verificarsi durante la lettura, specialmente se non hai mai negoziato prima d’ora.

Innanzitutto, rivediamo le basi del trading Forex, in quanto queste si riferiscono direttamente a come leggere i grafici Forex. Ogni coppia di valuta è sempre quotata allo stesso modo. Ad esempio, la coppia di valute EUR/USD, con EUR che è la valuta di base, e l’USD che è la valuta dei termini, non il contrario. Pertanto, se il grafico della coppia EUR/USD mostra che il prezzo attuale è oscillante intorno a 1.2154, ciò significa che 1 EURO acquisterà circa 1.2154 dollari USA.

Ora diamo un’occhiata ai 5 passaggi più importanti su come leggere un grafico Forex:

1. Se acquisti la coppia di valute, cioè, sei a lungo nella posizione, comprendi che stai cercando il grafico di quella coppia di valute per salire, per ottenere un profitto sul trade. Cioè, vuoi che la valuta base si rafforzi nei termini della valuta.

D’altra parte se vendi la coppia di valute per abbreviare la posizione, allora stai cercando il grafico di quella coppia di valute per scendere, per ottenere un profitto. Cioè, vuoi che la valuta di base si indebolisca rispetto alla valuta dei termini.

Abbastanza semplice finora.

2. Controllare sempre l’intervallo di tempo visualizzato. Molti sistemi di trading utilizzeranno più intervalli di tempo per determinare l’entrata di una transazione. Ad esempio, un sistema può utilizzare un grafico di 4 ore e 30 minuti per determinare l’andamento generale della coppia valutaria utilizzando indicatori come quelli offerti per un conto pro da STOFS.

Assicurati quindi che il grafico che stai guardando abbia l’arco temporale corretto per la tua analisi. Il modo migliore per farlo è impostare i grafici con gli intervalli di tempo e gli indicatori corretti su di essi per il sistema che stai scambiando e per salvare e riutilizzare questo layout.

3. Nella maggior parte dei grafici Forex, è il prezzo BID piuttosto che il prezzo ASK visualizzato sul grafico. Ricorda che un prezzo è sempre quotato con un’offerta e una domanda. Ad esempio, il prezzo corrente di EUR/USD può essere 1,2055 bid e 1,2058 ask.

Se si utilizza il prezzo del grafico per determinare una voce o un’uscita, bisogna rendersi conto che quando si effettua un ordine per vendere quando il prezzo del grafico è ask 1.330, allora questo è il prezzo che venderai senza ipotizzare uno slippage. Un sistema Forex determinerà spesso se i tuoi ordini saranno piazzati semplicemente in base al prezzo del grafico o se è necessario aggiungere uno spread al momento dell’acquisto o della vendita.

4. Renditi conto che i tempi indicati nella parte inferiore dei grafici Forex sono impostati sul fuso orario specifico in cui sono impostati i grafici del fornitore Forex, sia esso GMT, orario di New York o altri fusi orari.

È utile avere un orologio mondiale disponibile sul desktop del computer per convertire i diversi fusi orari. Questo è importante quando stai facendo trading su annunci economici importanti. Dovrai convertire l’ora di un annuncio all’ora locale e l’ora del grafico, così saprai quando avverrà l’annuncio e, quindi, quando dovrai fare trading.

5. Infine, controlla se i tempi nei tuoi grafici Forex corrispondono a quando la candela si apre o quando la candela si chiude. Il tuo software grafico può essere diverso da quello di qualcun altro.

Il motivo per cui lo dico è che se hai bisogno di scambiare annunci economici importanti, o inserendo uno scambio in base ai movimenti che si verificano dopo l’annuncio, o di uscire da uno scambio prima dell’annuncio per evitare di essere fermato durante questo, allora tu devono essere precisi (al minuto!) poiché questi scambi vengono eseguiti in base a ciò che accade al minuto immediatamente successivo all’annuncio, non alla candela in seguito!