Pages Menu
Categories Menu

Posted in Finanza

Costo notaio acquisto prima casa: imposte e onorario

Quanto si spende per il notaio in caso di acquisto prima casa?

Il costo del notaio è una voce che concorre a formare la spesa per l’acquisto della prima casa e che in alcuni casi genera frustrazione negli acquirenti che non riconoscono all’attività di questo professionista il giusto valore e che, quindi, concepiscono le spese notarili come uno spreco di soldi ingiustificato. Cerchiamo di capire quindi meglio quanto guadagna il notaio effettivamente e che cosa giustifica l’entità del suo onorario.

Acquisto prima casa: costo notaio e onorario

Partiamo da una panoramica sulle singole voci che compongono il preventivo notarile per atti di compravendita immobiliare (che sono quelli statisticamente più richiesti).

notaio prima casa

Il preventivo del notaio include, oltre al suo onorario, anche le imposte che lo Stato prevede per la registrazione degli atti giuridici in questione. Fare una stima precisa è impossibile perché sono diverse le variabili che bisogna considerare. In linea di massima occorre partire dal tipo di atto e dal valore dell’immobile. Supponiamo di essere aver bisogno di assistenza notarile per l’acquisto di prima casa per un immobile del valore di circa 100 mila euro da singolo venditore a singolo acquirente (perché la presenza di più proprietari complica la procedura istruttoria): la parcella andrà tra i 1500 e i 2000 euro più IVA (al 21%). Le agevolazioni fiscali previste per la prima casa permettono di risparmiare sul preventivo del notaio finale perché abbassano l’importo delle imposte da versare, ma chiaramente non modificano l’onorario del professionista.

Costo notaio acquisto prima casa: come calcolare le imposte

Se si vuole avere un’idea più precisa del costo del notaio per acquisto prima casa, occorre quindi saper calcolare le imposte, per poterle scorporare al preventivo complessivo. In caso di acquisto prima casa il calcolo è piuttosto semplice:

  • prima di tutto si calcola il valore catastale dell’immobile, moltiplicando la rendita catastale x 115,5poisi moltiplica il numero così ottenuto x 2% (imposta di registro) e infine si sommano imposta fissa ipotecaria e imposta fissa catastale;

Notaio acquisto prima casa: fidarsi di quello proposto dall’agenzia?

Se l’acquisto prima casa avviene tramite agenzia immobiliare, questa quasi sicuramente avrà un notaio di fiducia da proporre ai suoi clienti. La proposta ovviamente non è vincolante e nulla vieta di mettere a confronto la parcella con altri preventivi per trovare un prezzo migliore. L’importante è aver presente quali sono le voci che giustificano il preventivo del notaio e sapere quindi su quali spese notarili è possibile risparmiare e quali invece rappresentano dei costi fissi destinati alle casse dell’Erario.