Pages Menu
Categories Menu

Posted in mutui

Mutui: quali sono e le differenze

Sul mercato esistono diversi tipi di mutui ognuno dei quali si differenzia per funzionalità, durata e tasso d’interesse. Prima di elencare tutti i vari contratti di mutuo è opportuno fare una distinzione tra mutuo e prestito, laddove nel primo caso abbiamo un contratto mediante il quale il mutuante eroga un credito al richiedente ed iscrive un’ipoteca su un bene a garanzia del credito erogato, mentre nel prestito il credito viene erogato ma non c’è alcuna iscrizione di ipoteca. Ora esaminiamo le tipologie di mutuo esistenti più gettonate:

  1. Il Mutuo Fondiario è quello più comune e viene spesso utilizzato per acquistare la prima casa perché si usufruisce grazie ad una tasso di interesse molto basso. Con il mutuo fondiario viene iscritta una ipoteca di primo grado sull’immobile che si acquista a garanzia della restituzione del credito che di solito non supera l’80% del valore dell’immobile stimato nella perizia.
  2. Il Mutuo Ristrutturazioneche viene generalmente richiesto quando si deve ristrutturare un immobile, vi si accede presentando  una serie di documenti tra cui un preventivo dei lavori redatto da una impresa edile che certifichi l’entità effettiva del credito che dovrà essere erogato dall’istituto creditizio.
  3. Il Mutuo Liquiditàche viene usufruito da coloro che hanno bisogno di una grossa cifra da investire e non vogliono pagare gli interessi tipici dei prestiti. Il mutuo liquidità viene anche chiamato mutuo ipotecario e si differenzia dagli altri in quanto è sostanzialmente un prestito con ipoteca, questo perchè la banca non chiede alcuna giustificazione per erogare il credito e l’ipoteca viene iscritta su un immobile che già si possiede
  4. Il Mutuo Edilizioviene richiesto quando si vuole costruire un immobile, ragion per cui l’istituto creditizio non eroga il denaro in un’unica soluzione ma in più step concordati in base allo stato di avanzamento dei lavori di costruzione. In questo modo si eviterà di andare incontro a debiti più grandi di quelli che si potevano sostenere nel caso si fosse richiesto un comune prestito.