Pages Menu
Categories Menu

Posted in Prestiti

Come ottenere un prestito personale conveniente

Chiedere un prestito personale è un modo per realizzare progetti di qualsiasi tipo che richiedono il possesso di una somma liquida in tempi veloci. Si può aver bisogno di liquidità per acquistare un’automobile, per ristrutturare il proprio appartamento, per comprare elettrodomestici, per organizzare il proprio matrimonio, per aiutare i figli a studiare o per sostenere spese impreviste.

Ottenere un prestito personale con Banca Progetto

Quando si ha bisogno di soldi è molto importante fidarsi di un’agenzia seria per ottenere un prestito personale  in modo da evitare situazioni a rischio, le truffe ai danni di chi è in cerca di un prestito personale sono piuttosto frequenti ed è meglio scongiurarle affidandosi a professionisti del settore.

Banca Progetto è un’agenzia in attività finanziaria che si occupa di prestiti personali come ad esempio la cessione del quinto o l’anticipo del TFR.

Differenze tra prestito personale e cessione del quinto

La cessione del quinto è un prestito garantito dalle polizze obbligatorie e dalla busta paga o dalla pensione del cliente.  La copertura assicurativa, prevista dalla normativa vigente, prevede una polizza in caso di decesso e una per ricoprire il rischio di perdita impiego del cliente. La cessione del quinto rispetto al prestito personale è un finanziamento perfetto per importi elevati. La rata di ammortamento massima è di 120 mesi, ovvero 10 anni. Sono entrambi prestiti non finalizzati, non occorre specificare il motivo per il quale si richiede la somma.

Le differenze tra la cessione del quinto e il prestito personale riguardano i seguenti punti:

  • l’entità dell’importo richiedibile;
  • la modalità di rimborso del finanziamento;
  • la modalità di calcolo della rata.

Entità dell’importo richiedibile

L’entità dell’importo richiedibile, nel caso di cessione del quinto, non può superare il 20% dello stipendio o della pensione del richiedente ma, essendo un prestito che può durare 1o anni, è ideale per ricevere una liquidità extra anche alta, fino a €.75,000. Il prestito personale è più conveniente per cifre basse, come ad esempio l’acquisto di una vettura oppure la necessità di sostenere interventi di chirurgia estetica oppure odontoiatrici, per i quali non si possiede, nell’immediato, la liquidità necessaria.

Modalità di rimborso

La modalità di rimborso dei due prestiti sono diverse. La restituzione della cessione del quinto è legata alla busta paga, l’importo viene trattenuto direttamente dall’importo dello stipendio, requisito indispensabile è perciò quello di essere lavoratori dipendenti.

Il prestito personale invece viene rimborsato con la modalità scelta dal cliente, con addebito su conto corrente oppure tramite bollettino postale.

Modalità di calcolo della rata

La modalità di calcolo della rata cambia, la cessione del quinto, come abbiamo già anticipato prevede una rata che non può superare il 20% della remunerazione. Il calcolo della rata del prestito personale pur essendo un prestito non finalizzato come può variare a seconda del reddito mensile del richiedente, dell’importo, del tipo di contratto che si desidera. Il reddito del richiedente deve essere dimostrato comunque perché la modalità di calcolo tiene conto di questo parametro per concedere il finanziamento, le agenzie non amano rischiare a causa delle eventuali insolvenze del cliente.

Chi può richiedere un prestito personale?

Il prestito personale, a differenza della cessione del quinto, è accessibile anche agli autonomi, ai lavoratori atipici e agli imprenditori.

Tutti coloro che non hanno un rapporto di lavoro subordinato e non hanno perciò una busta paga possono richiedere un prestito personale dimostrando il reddito.  Chi è stato segnalato alla centrale dei rischi finanziari non può accedere ad un prestito personale, mentre può accedere alla cessione del quinto poiché la garanzia è costituita dalla busta paga del richiedente.

Per ottenere un prestito personale, alcuni parametri sono fondamentali per scegliere il più conveniente. Il Tasso Annuo Nominale e il Tasso Annuo Effettivo Globale influiscono sulla rata da restituire, insieme alle polizze e ad altre spese di gestione, come ad esempio l’apertura di un conto corrente dedicato, se occorre.

Affidarsi ad un professionista è importante per calcolare i tassi di interesse. Sono infatti dati non facilissimi da raccogliere per i non addetti ai lavori. Il TAN è la somma riconosciuta alla finanziaria, è perciò l’interesse annuo che si calcola sul finanziamento.

Il TAEG, il parametro sicuramente più importante, comprende tutte le spese accessorie al finanziamento. E’ perciò un indicatore necessario ad informare il cliente sul costo del prestito. Per ottenere un prestito personale conveniente occorre tenere conto di tutti i fattori che  andranno ad incidere sul costo complessivo della rata da rimborsare.