Pages Menu
Categories Menu

Posted in Prestiti

Social Lending: i Nuovi Prestiti Online

Non ci sono più le maglie burocratiche di una volta. Ora che tutto corre sul web anche il settore dei finanziamenti conosce una svolta con i prestiti online. Molto più flessibili e comodi grazie anche al Social Lending, ossia le nuove tipologie di prestiti che consentono di ottenere finanziamenti comodamente da casa con pochi semplici click.

Le condizioni di questi prestiti online sono di certo più vantaggiose rispetto ai prestiti che normalmente si chiedono in banca dopo tantissimi step.
Ecco quali sono le caratteristiche e i vantaggi di questi prestiti online.

Social Lending: Che Cos’è

Innanzitutto chiariamo di cosa stiamo parlando. L’espressione Social Lending sta a rappresentare proprio i prestiti online tra privati. Questa categoria di prestiti nasce nel Regno Unito 10 anni fa (nel 2005) e si sviluppa subito a macchia d’olio in tutto il mondo.

In pochi anni infatti dall’Inghilterra si è sviluppata una fitta rete di realtà finanziarie che non fanno altro che raccogliere denaro online tramite prestatori (risparmiatori) per poi fornire piccoli prestiti personali con tassi più che vantaggiosi. La maggior parte dei richiedenti magari hanno trovato porte chiuse in banca e hanno deciso di provare con le possibilità della rete.

Il Social Lending si è sviluppato alla velocità della luce, ed ora, soprattutto negli Stati Uniti, è in forte crescita. Gli operatori del credito hanno fondato un Lending Club ed hanno deciso anche di tentare le quotazioni in Borsa. Del resto la capitalizzazione è molto alta: cifre da 8 milioni di euro.
In Italia realtà simili si chiamano Prestiamoci e Smartika.

I Vantaggi del Social Lending

I prestiti tramite la rete hanno dalla loro tantissimi vantaggi. In primo luogo i tassi di interesse. Per i prestatori sono un pochino più alti, per chi invece chiede un prestito spese e commissioni sono più convenienti.

E per chi si preoccupa che la privacy venga violata chiedendo un prestito in rete è bene sapere che ci sono potenti software capaci di tracciare il profilo del richiedente. I prestatori infatti possono decidere o meno se prestare o no il denaro proprio in base all’affidabilità del profilo del richiedente.

Per dare un’idea del risparmio che si ha tramite il Social Lending basta pensare che si può risparmiare una media percentuale del 25% rispetto ai tassi delle banche tradizionali.

Solo pochi rischi si accompagnano al Social Lending. Il discorso privacy ad esempio. Se da un lato è positivo dall’altro non si conosce mai né l’identità del richiedente né quello del prestatore. Purtroppo poi non c’è ancora tutela legale per chi abbia prestato dei soldi e non abbia ricevuto la restituzione delle somme.